Uso vs dipendenza da sostanze

Secondo i dati forniti dalla Relazione annuale sul fenomeno delle tossicodipendenze del 2020, la dipendenza da sostanze è in crescente aumento nella popolazione italiana: sono 125.428 le persone dipendenti da sostanze assistite in Italia nel 2020 dai Servizi pubblici per le Dipendenze, l’86% dei pazienti totali sono di genere maschile e si registra un significativo accesso ai servizi di utenti adolescenti e giovani adulti (18-25 anni).

L’espressione dipendenze patologiche è utilizzata in ambito scientifico per indicare la condizione di subalternità nei confronti di una sostanza chimica o di un comportamento. La caratteristica principale della dipendenza è l’incapacità di resistere alla sostanza o di  interrompere il comportamento nonostante i ripetuti sforzi che la persona compie per liberarsene. Esse sono sempre più diffuse nella popolazione mondiale e l’età di primo uso negli ultimi anni tende ad abbassarsi progressivamente. Tuttavia, nonostante la massiccia diffusione del fenomeno, la maggior parte delle persone non è a conoscenza dei potenziali danni a breve e lungo termine legati all’assunzione di alcol e sostanze.

All’interno di quest’area tematica faremo luce sui  meccanismi che inducono all’assunzione e alla dipendenza dalle principali sostanze psicotrope e sui loro effetti, individuando le caratteristiche, i sintomi della dipendenza e dell’astinenza e gli interventi più efficaci per il trattamento del disturbo.

Una prima differenza da conoscere è quella tra uso, abuso e dipendenza:

  • Per “uso” si intende un consumo controllato e limitato di una sostanza, la cui assunzione per quantità e frequenza non determina conseguenze significative, immediate e rilevanti sull’individuo e sul suo ambiente;
  • Con il termine “abuso” si intende invece il consumo eccessivo ed improprio di una sostanza che causa conseguenze negative sull’individuo e sul suo ambiente. Dunque, la differenza tra uso ed abuso si manifesta principalmente attraverso il tipo di consumo che diventa sempre più incontrollabile e sulle conseguenze che esso provoca.
  • La dipendenza è un processo complesso influenzato da diversi fattori ed è caratterizzata da un bisogno incontrollato e continuativo di consumo di una sostanza, il quale se non soddisfatto genera stati di malessere. Essa si configura come un modello di comportamento in cui il consumo di una sostanza è prioritario rispetto ad altri comportamenti che precedentemente erano prioritari. Il consumo di sostanze, che probabilmente è iniziato come un’esperienza sporadica senza apparente importanza, diventa il centro della vita della persona.

Questa area tematica verrà trattata dalla Dott.ssa Rosa Vitale Psicologa Psicoterapeuta della Asl Frosinone.

Ultimi articoli dell’area tematica Uso vs dipendenza da sostanze

  • Nuove droghe e poliabuso: i cambiamenti del fenomeno della tossicodipendenza dagli anni Settanta ad oggi.
    La storia dell’uso di sostanze affonda le sue radici in un passato molto antico: alcune recenti scoperte fanno risalire l’uso di sostanze psicoattive già all’Età del Bronzo (tra il 2300 e il 900 a.c.). Da allora, il mondo delle sostanze psicotrope ha subito enormi mutamenti che hanno cambiato notevolmente non solo le finalità del ricorso alle droghe, ma anche la tipologia di assuntori e le modalità di trattamento. Scopriamo insieme come…
  • Che cos’è la cocaina
    La cocaina è una sostanza stupefacente che agisce come stimolante del sistema nervoso centrale, vasocostrittore e anestetico.

Ultimo aggiornamento

24 Ottobre 2023, 08:51